sabato 5 maggio 2012

Di biscotti che si credono plum cake

Buongiorno!
Lo so che in genere faccio passare ere bibliche tra un post e l'altro e invece ultimamamente sono più presente. E mi piace così. Mi piace scrivere sul mio blog, interagire con voi, giuro che se potessi vi inviterei per una bel pranzo sul balcone (se c'è il sole, eh, sennò mica vi farei congelare!). Sarebbe davvero una gioia per me potervi conoscere personalmente: io sono grata a chiunque di voi passa di qui e mi lascia un commento, con alcune di voi sento una grande affinità e ne sono davvero felice. Quando ho aperto il blog è stato per mettermi alla prova, per avere uno sprone a migliorare nella presentazione ( 'mise en place' fa troppo chic?), a provare a cucinare nuovi piatti. E tutto questo è successo: è stato anche il motivo per cui ho iniziato a partecipare ai vari contest (io sono della scuola 'l'importante è partecipare', sono l'anti-competitività per eccellenza). Ma è successo anche di più: ho toccato con mano la vostra profonda empatia e solidarietà.

Ancora una volta le parole hanno preso il sopravvento: la ricetta l'avevo già scritta e salvata ieri, adesso ho aperto il post e... ecco il papiro! Adesso però passo davvero alla ricetta, ma anche qui è necessario un preambolo.
Pellegrino mi ha fregata. Non nel senso che mi ha delusa (non sbaglia un colpo), ma proprio nel senso che mi ha presa in giro: Artusi, anche tu ti ci metti?

Da "La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene", n. 571

INGREDIENTI per uno stampo da plum cake

40 g farina
30 g fecola
40/50 g mandorle tritate grossolanamente
90 g zucchero
1 cucchiaio di marmellata
candito buccia grattugiata di un'arancia
3 uova


Separare tuorli e albumi; lavorare a lungo i primi con lo zucchero, quindi setacciarvi le farine mescolate. Unire gli albumi montati a neve, quindi le mandorle, la buccia grattugiata dell'arancia e la marmellata. Mescolare bene e versare in una "cassettina di latta larga 10 cm e lunga poco meno del diametro del vostro forno [...] Così i biscotti avranno il loro cantuccio dalle due parti e, tagliati larghi un cm e mezzo, saranno di giusta proporzione. [...] I biscotti tagliateli il giorno appresso, tostandoli, se vi piace, dalle due parti."

Ora, voi che vi sareste aspettati? Io tutto fuorché un plum cake! Dopo 40 minuti di cottura a 160° c'era questo bel plum cake soffice, che, per lo stupore, non ho fotografato. Artusi, ma io volevo dei biscotti! Se volevo un plum cake facevo il tuo plum cake. Ma il giorno appresso l'ho tagliato a fettine e le ho tostate (tanto dovevo tostare i biscotti della salute, qui) e... habemus biscottim!


Li vedete i puntini rossi? Non è rosolia, è la marmellata di fragole ;)


Questi sì che sono biscotti! Rimangono croccanti ai bordi e teneri all'interno, con quei pezzetti scrocchiosi di mandorla... Non sono eccessivamente dolci, quindi magari si può aggiungere altra marmellata! Se si vogliono biscotti teneri e basta, da non tostare, credo basti versare il composto, a cucchiaiate, su carta forno; prometto che sperimenterò e vi farò sapere!
Adesso vado ad impastare i cornetti brioches (questi): doppia dose, da dividere con la nipotina (e la mamma della nipotina!). Voglio ridurre ulteriormente il lievito e quindi allungare la lievitazione, con questa giornata calda non credo che dovrei avere problemi.
A presto!
Vale*

P.S. ora che ci penso, forse tutta la prefazione di questo post è stata generata dalla mia sorpresa di fronte ai 102 followers! Grazie a tutti voi 102 :) Ero certa che non avrei avuto un gran seguito e la vostra partecipazione mi sorprende ancora! 





Con questa ricetta partecipo al contest di Morena


20 commenti:

  1. Amore ! Ma come si fa a non partecipare ??? E' impossibile ! Buongiorno ! E che bel buongiorno con questi biscotti che non erano biscotti ma che poi lo sono diventati ! MI piace l'idea, e pure parecchio ! Come stai oggi ?? Un bacio grande e buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) grazie Mary cara! Io sto meglio, ho ancora un po' di risentimento alle ginocchia, spero lunedì di poter riprendere con delle camminate a passo svelto! Sono proprio pasticciona, vero? è che io sono così: da un eccesso all'altro, ma a quanto pare il fisico non è più quello di una ragazzina :D un bacione e goditi il week end!

      Elimina
    2. Ma dai..che c'entra il fisico..ci si fa male a 10 anni come a 70 ! Se capita capita. Riprendi in modo cauto, se senti dolore interrompi. Un bacione ragazzina ;)

      Elimina
    3. Dai che appena riprendo, correndo correndo magari ci incontriamo a metà strada :D

      Elimina
    4. Siii perchè no ! ;)

      Elimina
  2. Ciao VALENTINA ,bello il tuo blog mi sono unita hai tuoi lettori fissi passa ha trovarmi se ti va io sono ISABELLA ti aspetto smack

    RispondiElimina
  3. Bene bene sperimentare per creare delle novità... devo dire che a vederli sembrano dei bei biscotti. Chissà che il sig: Artusi nel vederli rosicherà per non averli fatti anche lui così!!!!:-)))

    RispondiElimina
  4. ahhh il pellegrini, pensavi ti avesse fregata invece vedi che belli che son saltati fuori.. infatti si chiamano bis-cotti perchè cotti due volte, e quindi tu hai fatto i veri biscotti.. insomma brava brava!!

    RispondiElimina
  5. @ Isabella: grazie! passo subito :)

    @ Maria: speriamo sia fiero di me :)

    @ Tiziana: hai capito quanto sono stata brava e non lo sapevo? :D grazie :)

    RispondiElimina
  6. Ciao cara! E' bellissima la tua idea del biscotto-plim cake!!!! Inserita x la sfida di Maggio!
    Un in bocca al lupo x la tua completa guarigione!

    RispondiElimina
  7. Non si può mai stare tranquilli, in cucina... :-)) Cmq questi biscottii sono una bella scoperta!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao Valentina, grazie per essere passata a trovarmi, mi fa molto piacere conoscere te e il tuo blog: mi sono unita anche io ai tuoi lettori ;)
    p.s. che buoni questi biscotti!! :)
    A presto!

    RispondiElimina
  9. E dai! Mandamene duo o tre per la colazione di domani mattina!!!!
    Notte!!! :)

    RispondiElimina
  10. è un piacere passare a trovarti qui, un plum cake con la rosolia?!!?! Forte! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  11. Belli i tuoi post sempre più lunghi. Così sembra veramente di conoscerci. ^-^
    Ottimi i tuoi biscotti, poi, per me che non amo i sapori troppo dolci, mi sembrano ideali.
    Un bacione grandissimo e buona settimana

    RispondiElimina
  12. tutto vero quel che scrivi!!! i ci verrei volentieri al tuo pranzo sul balcone...posso portare la mia torta se vuoi;-) si, ho sposato io la mia amica, sono un assessore, ma non mi piace dirlo in giro!!!!

    RispondiElimina
  13. @ Morena: grazie e crepi il lupo! :)

    @ Francesca: :)

    @ Elisa: ma grazie a te!

    @ Emanuela: tocca aspettare la prossima infornata! Sono spariti!

    @ Sissi: e sì :D

    @ Giovanna: mi è presa la scrittura compulsiva ormai! un bacione a te!

    @ Aria: ok, il dolce da te è una garanzia di bontà! :) Shh, manterrò il segreto ;)

    RispondiElimina
  14. Il dolce con la rosolia è bellissimo!!! :-)

    RispondiElimina
  15. Valentina secondo me dai alla fine non ti ha delusa ti ha fatto uno scherzetto e tu l hai fregato :-) a me sembrano buoni e poi in un modo o in un altro sono diventati biscotti:-) anche per me il blog e' diventato importante anche perché si fanno delle amicizie e sono belle:-) un bacione

    RispondiElimina
  16. @ Stefania: grazie mille! :)

    @ Ombretta: hai ragionissima sulle amicizie! Io sono un po' lenta a carburare, ma poi si apre un mondo! :) Artusi: tiè! :D

    RispondiElimina