mercoledì 25 aprile 2012

Pancakes salati di soli albumi

Buona giornata di festa voi!
Come la state trascorrendo? Per me pranzo in famiglia! Io mi sono limitata al dolce, che ho appena sfregiato :D speriamo guarisca in tempo per essere servito!
Nell'ultimo post mi è stato suggerito da due persone lo stesso libro: 'Un segno invisibile e mio', di Aimee Bender. Quel libro è nella lista dei prossimi acquisti, però mi ha fatto riprendere in mano un libro della stessa autrice 'The particular sadness of lemon cake'. L'avevo comprato diversi mesi fa, ma l'avevo lasciato da parte perché volevo leggerlo una volta trasferita. Perché, sapete, mesi fa io avevo deciso di partire per la Germania e sembrava filasse tutto liscio: avevo trovato aggancio, lavoro... Poi all'ultimo è andato tutto a pxxx in malora e ora sto cercando un'altra strada. Forse qualcosa avevate intuito, ma non ve l'ho mai esplicitata.
Comunque, quel libro era tra le cose che avevo deciso di portare: non so voi, ma io ho bisogno di oggetti materiali, fisici intorno a me per avere una sorta di contatto con la realtà (detto così pare che io sia una dissociata: bè, come negarlo:D). Ho bisogno di sapere che quel determinato oggetto che mi appartiene è lì, con me: che sia un libro, una foto, la mia pashmina preferita. Non sono -non più- un'accumulatrice folle, anzi, ma alcuni oggetti hanno un potere consolatorio. Nel libro 'La moglie che dorme' (pessima traduzione del titolo!) il protagonista parlava da solo e nominava gli oggetti che aveva intorno per riprendere contatto con la realtà: ecco, per me accade lo stesso. Poi quello si rivela un pazzo, ma questa è un'altra storia :)

Va be', mi sono persa in chiacchiere: ma voi decidete di cosa scrivere quando iniziate un post? Io no: vado a sentimento! So solo la ricetta di cui intendo parlare e quella di oggi è molto sfiziosa:



Da 'Cucinare bene' di Marzo.... 2012, incredibile!, più o meno fedelmente:

INGREDIENTI per circa 15 pancake di 8/10 cm:

4 albumi
200 ml latte
125 g farina
2 cucchiai di olio
1/2 cucchiaino di lievito (io uso quello per dolci di LIDL, che non è vanigliato e va quindi bene per tutto)
sale
aromi, per me: timo, origano ed erba cipollina


Formare una pastella con latte, farina e olio, unirvi il sale e gli aromi (io ho abbondato di aromi: che si nota dalle foto?). Montare gli albumi a neve ferma e unirli un po' per volta alla pastella, amalgamando bene ma senza smontare il tutto.
Intanto scaldare bene una padella antiaderente piuttosto larga (io ho usato quella per le piadine, dove ne entravano 3) e strofinarla con uno scottex leggermente unto, operazione che io ho ripetuto prima di ogni 'versamento'. Abbassare la fiamma, distribuire un mestolino di pastella e far cuocere due minuti per lato.





Suggerimento d'uso:

Scusate le pessime foto: ma di sera, con la luce artificiale e la mia attrezzatura da Paperino (o Paperoga?) non posso fare di meglio :)

Ma quel che conta è la sostanza e questi pancakes sono una vera scoperta: morbidissimi, leggeri, li finisci senza accorgertene! E poi si preparano davvero in fretta! In genere si ha il problema di smaltire gli albumi: io ora ho quello di smaltire i tuorli!
Da cosa mi avanzano questi albumi? Eh eh, lo saprete presto, vi dico solo che Paperino colpisce ancora!
Buon 25 Aprile: liberatevi da ogni pensiero spiacevole :)
Baci,
        Vale*

8 commenti:

  1. Anche io quando comincio un post vado a braccio..difficilmente parto già con un'idea.
    Io ti auguro di trovare la tua strada, quella giusta, non un ripiego, ma proprio quella che vorresti percorrere. Anche io sono affezionata a determinati oggetti, e quando parto, sento il bisogno di portarli con me. Ogni oggetto ha un suo significato. Parlando della ricetta di oggi, è sfiziosa sì, altrochè, e la foto con il prosciutto la dice lunga ! Buona giornata :)

    RispondiElimina
  2. Come ti dissi l'altra volta cara Vale io ti auguro il meglio!! Ovunque sarà, l'importante è stare bene!!
    Anche io a volte sento il bisogno di avere accanto degli oggetti perchè mi fanno sentire sicura, siamo uguali anche in questo..
    E complimenti per i pancakes perchè solo a guardarli vien l'acquolina!! Non li ho mai fatti e mi sto giusto chiedendo perchè??? Buoni e ottimi per riciclare gli albumi anche se da me sono più che altro i tuorli ad avanzare!!
    Un grande bacioooooo

    RispondiElimina
  3. Quando scrivo un post, so solo che parlerò della ricetta. Poi, parto da una cosa e all'improvviso inizio a parlare di altro, come nel post di oggi.
    Ieri, fra le varie cose, oltre cucinare e leggere, sono andata al parco e ho visto un film in tv molto carino, mentre pensavo di scrivere del parco e del film, ho iniziato a parlare di libri.
    Come te, quindi, vado a sentimento. E come te, quando vado in un posto ho bisogno di oggetti miei, solitamente libri e tè sempre, in inverno le pashmine, in estate la mia borsa.
    Comunque, nel tuo post è emersa la tua bellissima vena ironica.
    Invece, la tua bravura in cucina la conoscevo già, questi pancakes sono deliziosi. Sarebbe bello fare colazione insieme e parlare di libri! ^-^
    Un bacione grande

    RispondiElimina
  4. Per me ogni post nasce in maniera diversa dall'altro, non c'è una regola...a volte decido prima, a volte no! :)
    Adoro il pancake, ma sai che salato non l'ho mai fatto?
    Ti seguo! ciao

    RispondiElimina
  5. @ Mary: grazie dei complimenti e soprattutto dell'augurio: questa strada non è segnalata dalle cartine e neanche dai navigatori :D

    @ Vale: grazie cara! ne abbiamo di cose in comune noi 2!! :*

    @ Giovanna: grazie per la 'bellissima vena ironica' :) effettivamente non riusciva ad emergere, chissà perchè! Magari una colazione insieme, non sai quanto mi piacerebbe!

    @ Emanuela: provali, sono deliziosi!! E grazie :)

    RispondiElimina
  6. ma sai che mi ispirano da matti? segno subito la ricetta!

    RispondiElimina
  7. Eccola!!! meravigliosi, fanno tanto scampagnata. finalemente ho fatto il post sul premio che mi hai dato :) Grazie ancora :)

    RispondiElimina
  8. @ Aria: io aspettavo di avere degli albumi per provarle perchè mi ispiravano parecchio :)

    @ Amarituda: premio meritatissimo! dopo vengo a leggere!

    RispondiElimina