mercoledì 31 ottobre 2012

Pallotte di ricotta

No, non sono impazzita: qui in Abruzzo le polpette sono spesso dette "pallotte"! :)
Io da bambina mangiavo poco e nulla, ma di fronte alle polpette cedevo anche io! E lo stesso fanno oggi i miei nipoti :)
(Ogni tanto vorrei che mi tornasse un po' di inappetenza, eh, giusto il tempo di perdere il salvagente di serie che mi porto dietro pure quando non sono al mare :D)

Queste pallotte di ricotta sono un classico: molti dei nostri piatti tipici sono a base di ricotta. Ora che ci penso: devo portare più spesso l'Abruzzo sul mio blog ;)
La cucina abruzzese è buonissima, anche se non proprio leggera :) Riflettendoci, i piatti abruzzesi hanno nomi  poco invitanti: ciabbotto, pallott cac&ov, rustell, ciff&ciaff. Ma non fatevi ingannare e se capitate da queste parti, oltre a farmi un fischio, fermatevi a pranzo in qualche ristorante tipico: ne varrà la pena. Io intanto vi prometto di farvela conoscere. Mary, vedrai, potrai sbizzarrirti con la ricotta :D

Per questa ricetta,  ho unito Abruzzo&Svizzera, utilizzando lo Sbrinz ed ho rivisto leggermente la ricetta originale, sostituendo il misto parmigiano/pecorino con lo Sbrinz.

Ah, preparate tantissimo pane (casareccio, of course!): la scarpetta è d'obbligo!




INGREDIENTI per circa 15/20 polpette:

350 g di ricotta di mucca
100 g formaggio sbrinz
3/4 cucchiai di pane grattato
sale & pepe
noce moscata
prezzemolo q.b.

Ingredienti per il sugo:

polpa di pomodoro q.b. (nel mio caso: salsa fatta in casa)
1 peperone
cipolla, sedano, carota
sale

Scegliere una ricotta piuttosto asciutta, altrimenti lasciarla scolare. Lavorarla con una forchetta, unire gli altri ingredienti, aggiungendo in ultimo il pane grattato, un cucchiaio alla volta finché il composto non sarà compatto. Formare delle polpette della grandezza desiderata.



Preparare il sugo: far soffriggere cipolla, sedano e carota in qualche cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva; dopo qualche minuto unire il peperone tagliato a striscioline e infine la passata. Quando il sugo inizierà a restringersi, unire le polpette, tenendo la fiamma del fornello piuttosto alta, e lasciarle cuocere  per circa 20/25 minuti.



Visto questo fila&fondi? :) Merito del tocco svizzero, con parmigiano&pecorino non c'è!

Con questa ricetta partecipo al contest di Peperoni&Patate  e Formaggi svizzeri


22 commenti:

  1. Valentina..smettila con sta storia del salvagente ! Tu il salvagente lo hai attorno al cervello :DDD E non fa altro che offuscarti le idee :DDD
    Con questo piatto mi hai stesa letteralmente..amo le polpette, amo la ricotta e amo il pomodoro..cosa potrei desiderare di più dalla vita ?? Cioè, mi hai fatto venire fameeee !!
    Ah..le foto..beh..sono davvero belle :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mary, il cervello me l'annebbia la cucina abruzzese :D
      Grazie dei complimenti, li riferirò alle polpette, che hanno un fascino indiscusso :D

      Elimina
  2. Mamma mia che belle!
    Che voglia di mangiarle!

    RispondiElimina
  3. E che buoneeeee!! Posso venire a cena? :)
    Un bacione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm ora è un po' tardi, ma la prossima volta ti chiamo :D

      Elimina
  4. Un po' d'inappetenza servirebbe anche a me. Ma facciamo che inizio dal prossimo post, queste polpette non me le faccio scappare :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, iniziamo insieme dal prossimo :D

      Elimina
  5. anche io ogni tanto vorrei mi mancasse un po di appetito ma niente!! strabuone le polpette di ricotta, mi ispirano un sacco e preparo taaaanto pane!!!!! un bacione buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma proprio taaaaantooooo :D
      Un bacione :)

      Elimina
  6. ecco, una scarpetta con questo sughino delle pallotte sarebbe proprio il massimo!che sfiziose, che idea golosa! in bocca al lupo per il contest!
    a presto
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scarpetta è obbligatoria, fidati :D

      Elimina
  7. Vale queste pallottole me le sparerei volentieri in bocca!!! morbide e filanti!!!!
    quando sono venuta in Abruzzo ho mangiato gli arrosticini e credimi mi sono rimasti nel cuore , e' vero che la cucina e' buonissima!!!!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli arrosticini restano nel cuore di tutti i "forestieri" :D ma tu torna e ti farò scoprire un mondo!
      Un bacio!

      Elimina
  8. Wow, Vale! Queste pallotte sono golosissime! Se dipendesse da me, avresti già vinto, brava!
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. buonissimeeeee! le ho preparate una volta ma senza sughetto!!! le riproverò nell tua versione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Col sugo hanno una marcia in più ;)

      Elimina
  10. Certo che devi portare di più l'Abruzzo sul tuo blog ...sembra estremamente coinvolgente, ad esempio questo ciff&ciaff chissà che sarà mai?!!!
    Ricetta da provare, mi incuriosisce l'idea che non ci siano uova a legare l'impasto e che non ci sia una frittura a precedere la cottura in umido, insomma...mi incuriosisce tutto!;))

    Un saluto

    Fabiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. promesso: più abruzzo su questi schermi!
      Le polpette cotte così sono tenerissime, nonostante qui in Abruzzo si frigga tutto, queste sono esentate :D

      Elimina
  11. strabuone, anche io ricetta con la ricotta ma dolce, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  12. ti sono venuta a cercare di proposito... da quando son ritornata col blog non mi sei comparsa nella bacheca e... wow ti ritrovo con una ricetta perfetta per me... non c'è l'uovo nelle polpette?... le proverò prestissimo... alla prossima!

    RispondiElimina