lunedì 11 febbraio 2013

Mini red velvet (wonky per sbaglio) cake

Buona inizio settimana!
Quale modo migliore di iniziare che con un dolce? Ovviamente il lunedì è il giorno deputato all'inizio della dieta, questo lunedì mi ero anche ripromessa di tornare a correre, ma quando l'MTC chiama, Vale risponde.
Questo mese c'è una sfida nella sfida: la vincitrice, Stefania, ha proposto una red velvet cake gluten-free. Lei convive da anni con questa patologia e cerca di divulgare il pensiero che un celiaco a cena non è una maledizione. Propone ricette senza glutine che siano ottime per i celiaci e per i non celiaci: dove sta scritto che non possiamo mangiare tutti la stessa cosa? Certo è, che le precauzioni da prendere sono diverse e necessarie e lei le spiega benissimo qui: anche la contaminazione apparentemente superficiale può dar luogo a grossi problemi. Non è un'esagerazione. Non è paragonabile, ma io che soffro di altri tipi di allergia (non alimentare), so quanto è fastidioso sentirsi dire: ma non starai esagerando? No.
Per questo mese, quindi, la sfida iniziava dalla lista della spesa (proibito tutto ciò che contiene glutine) e continuava al supermercato: anche i prodotti naturalmente senza glutine (ad esempio: cioccolato, zucchero a velo) 'potrebbero contenere tracce di glutine'. Quindi: estrema attenzione alle etichette! Per dire, anche le decorazioni da torta sono a rischio, non sottovalutate mai nulla!

Ovviamente la sfida culminava in cucina: la ricetta di Stefania è perfetta, io ho fatto delle monoporzioni per mancanza di teglie adeguate, ma la prossima sarà una bella tortona :)
Voi direte: ma fotografi proprio quella storta? Che volete, io credo nelle imperfezioni :)

Tra pochi giorni è San Valentino, io non ho nessun innamorato a cui propinare red velvet e cuoricini, ma il tema dell'MTC di questo mese è, in un certo senso, il seguito naturale di quello del mese scorso: rosso, per la mia famiglia di donne, e tanti cuoricini per le persone che porto nel cuore, per quelle, poche e preziose, che mi portano nel loro e per quei cuoricini troppo piccoli per.


INGREDIENTI per 16/18 stampi da muffin ricetta di Stefania



160 gr di farina di riso sottilissima tipo amido (Le Farine Magiche Lo Conte, Pedon, Rebecchi)
60 gr di fecola (Cleca, Pedon, La Dolciaria, Sma & Auchan)
30 gr di farina di tapioca (che potete sostituire con Maizena)
1/2 cucchiaino da tè di sale
8 gr cacao amaro (Venchi, Easyglut, Pedon, Olandese)
110 gr burro non salato a temperatura ambiente
300 gr di zucchero
3 uova medie
1 cucchiaino da caffè di estratto vaniglia bourbon (o i semi di una bacca, ma non usate la vanillina)
240 ml di buttermilk (ma se non lo trovate, fate inacidire per 20 minuti la stessa quantità di latte con un cucchiaio di limone)
1 cucchiaio di colorante rosso (Rebecchi e Loconte)
1 cucchiaio di aceto bianco
1 cucchiaino da tè di bicarbonato di sodio

INGREDIENTI per il frosting:

250 ml panna fresca
100 g formaggio spalmabile tipo philadelphia
3 cucchiai di zucchero a velo

Cuoricini di zucchero per la decorazione

 
Pre-riscaldate il forno a 175°C.
In un recipiente mescolate le farine, il sale, il cacao. In un altro recipiente, sbattete il burro per 2-3 minuti, finché sarà soffice e poi aggiungete lo zucchero e sbattete per altri 3 minuti.
Aggiungete le uova, una alla volta, sbattendo 30 secondi dopo ogni aggiunta.
Mescolate il colorante al buttermilk e quindi versate poco per volta al composto di burro, alternando le polveri al buttermilk. Possibilmente iniziate e finite con la farina. Aggiungete anche la vaniglia e mescolate.
In una tazzina (capiente) mescolate il bicarbonato all’aceto bianco, facendo attenzione a versarlo subito nell'impasto (altrimenti ve lo troverete per tutta la cucina) e incorporatelo bene con una spatola.
Imburrate e spolverizzare con farina di riso gli stampi da muffin e cuocere per circa 20 minuti, vale comunque la prova stecchino.
Lasciate raffreddare la torta dentro la teglia (potete usarne anche una in silicone, ma è meglio usare la carta forno per evitare contaminazioni) per 10 minuti. Poi toglietela dalla teglia e lasciatela raffreddare, quindi fasciatela nella pellicola trasparente. Fatela riposare in frigo per diverse ore (io l'ho lasciata tutta la notte). In questa maniera sarà più facile da tagliare senza che si sbricioli e sarà più semplice mettere la farcitura. Non spaventatevi se vi sembra troppo dura, perché a temperatura ambiente tornerà morbidissima.

Io il giorno dopo ho tagliato i muffin a strati e, essendo gli stampi leggermente svasati, ho accoppiato i dischetti con lo stesso diametro: basi con le basi e parti superiori con le medesime. Ho tagliato le calottine e inzuppate nel latte a colazione stavano benissimo :)



Per il frosting:
Mescolare il formaggio con le fruste elettriche fino ad ammorbidirlo, aggiungere la panna e montare fino ad ottenere un composto spumoso, aggiungendo lo zucchero un po' per volta, fino a quando la prova assaggio vi lascerà soddisfatti (avendo cura di non finirsi la crema!)
Farcire gli strati e ricoprire le tortine di crema, decorare (meglio della sottoscritta!) e porre in frigo, lasciandole però mezz'ora a temperatura ambiente prima di consumarle.


La mia cavia preferita:


Io non ho mai mangiato una red velvet prima di questa e nessuno ha notato differenze, neanche la cavia :) anzi, il risultato è un dolce morbido, che si presta benissimo ad essere farcito. 

Buona settimana di festeggiamenti carnevaleschi e valentineschi :)



38 commenti:

  1. Stamattina scrivevo alla Eres che la mia teoria sul fatto che gli uomin sian poco furbi veiva confermata dal suo essere single. Dopo che ho appreso che anche tu sei nella stessa situazione, inizio a credere che, più che una convinzione, si tratti di un dogma.
    E non dico altro, se non che la red velvet è riuscita- e visto che era la tua prima volta, garantisco che è così che doveva venire.L'abbinamento con il frosting al formaggio e panna è fra i più gettonati, di là dall'Oceano, e ovviamente ha un suo perchè...
    Centrato in pieno anche il significato della sfida, al do là della realizzazione della torta!
    Bravissima, come sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :)

      Toccherà prenderli a colpi di red velvet, 'sti uomini :)

      Elimina
  2. Bravissima Vale!
    comincio a conoscervi tutte e mi unisco ai tuoi lettori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna Lisa, sono contenta anch'io di abbinarvi ai blog :)

      Elimina
  3. bellina la red velvet!!!! Anche il modello muffin... Le single sono le migliori...sappilo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi siamo le migliori, cara Giulia :D

      Elimina
  4. non ho mai mangiato la red velvet ma mi ispira molto
    oggi mi hai dato il colpo di grazia, non vedo l'ora di assaggiarla

    RispondiElimina
  5. Vale ma che tortina hai fatto!!!! Troppo bella e perfetta sei grande! Io
    Sto
    Ancora cercando l ispirazione uffa in questo periodo son peggio di un bradipo ....
    Un mega bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ombretta, a chi lo dici... ma per un dolce io mi alzo anche dal divano :D

      Elimina
  6. ma dai!! belleeeee le tue mini red velvet :D
    e se non l'avevi mai mangiata...ora sai che rischi la dipendenza, vero? :)
    baci

    RispondiElimina
  7. Cara Vale, in America festeggiano il san valentino non solo gli innamorati, ma anche gli amici, e in generale chi si vuole bene. E' questo il senso di questa festa e tu lo hai colto alla perfezione. L'affetto di chi ti vuole bene è grandemente ricompensato da questa tua red velvet mini cake, bellissima e molto romantica, parla d'amore sia per gli altri che per la cucina.
    Sei bravissima!!
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francy :) hai ragione: l'amore per gli altri passa anche da quello che cuciniamo per loro! Un bacione!

      Elimina
  8. Vale S.Valentino e' una festa per volersi bene anche tra amici e parenti e questa tortina wonky e' proprio simpatica! brave voi dell mtc la red velvet e' un sacco che voglio provarla|
    un bacino
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova Vale e non te ne pentirai :)
      E grazie!

      Elimina
  9. Elogio delle imperfezioni, visto che io ne sono il massimo esponente (a cominciare dalla "piccola" imperfezione della celiachia!)
    E poi mi hai conquistato con la frase "avere un celiaco a cena non è una maledizione"... e mi hai steso definitivamente con "perché non possiamo mangiare tutti la stessa cosa?" Quindi, ufficialmente, ti amo, e sono convinta che persone dolci e sensibili come te, DEBBANO trovare il meglio della vita... ed è per questo che non hai un fidanzato! ;)
    Sei stata una meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, che sei tutto meno che imperfetta! :)

      Elimina
  10. Concordo con tutto quello che hai sritto e aggiungo che spesso è più semplice di quel che si pensi, basta solo un pò di attenzione ed un osservare il problema da un'altra angolazione.
    Direi che le nostre torte sono quasi gemelle :) e questo dimostra che le idee sono nell'aria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione: le idee circolano e ognuno le assorbe :)

      Elimina
  11. Che spettacolo!!! Sono bellissimi!!!

    RispondiElimina
  12. Che voglia di conficcarci il cucchiaio in quella torta !!! Non ho mai preparato un dolce a strati..sembra la torta dei cartoni animati !
    E' una meraviglia....anche io sono decisamente a favore delle imperfezioni :PPPP
    Bacio tesoro mio ! E fai la brava ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: le torte a strati sembrano quelle dei cartoni. Devo prepararne di più allora!

      Elimina
  13. Bellissima anche in versione mono! Domani mi butto anche io... e speriamo di non farmi troppo male, considerato anche che sono a dieta!

    RispondiElimina
  14. beh tesoro, sarà per lunedì prossimo l'inizio della dieta!! le tortine così piccole sono davvero deliziose.. e magari son belle pure storte, sembra fatto apposta ;-)))) un abbraccione mia cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti se avessi voluto farla così storta, non ci sarei riuscita!
      Un bacione :)

      Elimina
  15. Eccoci cara!! Felice di conoscerti! Belle ricette e bel blog, ora quindi l'arduo compito di sceglierne una!! ....ci mettiamo d'accordo per quando pubblicarla?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. La monoporzione, c'ha sempre il suo perchè: con tutti quei cuoricini poi! :)
    La dieta, possiamo rimandarla a lunedì prossimo ;)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  17. Ciao! Ti piacerebbe partecipare al nostro contest "Diversamente Buoni"? Stiamo raccogliendo ricette per celiaci, diabetici e intolleranti al lattosio. Ti lascio il link! Spero ti piaccia!
    http://nsugarplease.blogspot.it/2013/02/diversamente-buoni-i-contest-di-no.html

    RispondiElimina
  18. Ciao! Piacere di conoscerti sono paola del blog cookingedintorni.blogspot.it, sono passata qui per caso e ho deciso di diventare una tua lettrice perchè sono rimasta positivamente colpita da questo tuo spazio. Carina l'idea della monoporzione! un abbraccio e a presto
    paola

    RispondiElimina
  19. Ero tentata anch‘io di fare delle mini red velvet cake. Le tue sono belle e romantiche con quei cuoricini che spiccano sullo sfondo bianco.

    RispondiElimina
  20. L'innamorata la posso fare io, se ciò mi consente di assaggiare una tortina ;)

    RispondiElimina