lunedì 27 ottobre 2014

Il mio timballo aka lasagna per l'MTC


Quando è uscita la ricetta dell'MTC di ottobre, ovvero la lasagna, ho pensato immediatamente: non ce la posso fare! Poi ho pensato: Vale, non essere pigra, su, sono mesi che dici che vorresti preparare la pasta, quale occasione migliore!
Il mio primo pensiero era stato: lasagna = timballo di Natala di casa. Poi ho pensato: eh ma qui non ho la salsa di pomodoro fatta in casa, non ho la mozzarella buona, etc etc e allora ho pensato ad una variante crucca. La propongo al Portoghese: "ah ma quindi senza ragù? Ah ma con quello? Ah senza quell'altro?". Dopo aver trascorso un paio d'ore a rimontare l'ego ferito, ho deciso: ok, lasagna tradizionale deve essere, e sia! La salsa, la mozzarella... nella vita si deve pur scendere a compromessi, no? O che fa, rinuncio a vita al ragù? :)

La lasagna per me è il "timballo", come lo chiamiamo in Abruzzo. Come tutte le ricette della tradizione, ne esiste una ricetta diversa per ogni famiglia. A casa mia prevede l'aggiunta di uova sode e non prevede besciamella. Però questo è il mio timballo, perciò è giusto che sia diverso, quindi: con besciamella (per accontentare il portoghese) e con il gouda, un formaggio olandese acquistato per l'occasione di produzione tedesca (un minimo di km 0 ci voleva!).
Piatto di Natale per eccellenza, preceduto dal brodo di cardi: io che non amo i cardi, aspetto con entusiasmo senza pari la mia porzione di timballo, ma senza esagerare. Ma solo perché voglio che avanzi, ché il giorno dopo secondo me è ancora più buono! Ovviamente anche adesso è andata così e la mia seconda porzione è finita nella schiscetta del lunedì ;)


Il post di Sabrina è dettagliatissimo e tutti gli approfondimenti dell'MTC permettono di cimentarsi senza brutte sorprese nella preparazione della pasta fresca.
Io ho "faticato" perché non dispongo di un asse di legno e ho dovuto impastare e stendere su un tagliere per il pane lungo 50 cm! Ho lavorato perciò con un pezzettino di impasto per volta, mentre recitavo come un rosario, tra me e me "Vale, vai al Bauhaus e fatti fare una spianatoia degna di questo nome!"






Pensavo che la preparazione di una lasagna from scratch, con tanto di sfoglia impastata e stesa a mano, fosse più estenuante. In realtà è una preparazione che si presta benissimo ad essere suddivisa; io personalmente ho proceduto così:

-il giorno prima: ho preparato il ragù, la besciamella e rassodato le uova. Quando era tutto freddo, ho messo in frigo, preparato le sfoglie e lasciate asciugare all'aria, poi coperte da un panno;

-il giorno del pranzo: lessato le sfoglie, tagliato uova e formaggi, assemblato e cotto.



INGREDIENTI per una teglia quadrata di ca. 21 cm di lato

Per la sfoglia

150 g farina 0
50 g farina 00
2 uova L

Per il ragù

3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
500 g pelati frullati da me
300 g macinata di manzo
vino bianco secco q.b.
1 cipolla
1 carota
1 spicchio d'aglio
sale
basilico fresco

Per la besciamella

2 cucchiai di farina
50 g burro
600 ml latte intero
noce moscata da grattugiare
un pizzico di sale

Per il condimento

1 mozzarella lasciata scolare e tagliata a cubetti
200 g di formaggio tedesco gouda a quadretti
100 g circa di parmigiano grattugiato
3 uova sode tagliate a pezzetti


Preparare la sfoglia:

setacciare insieme le due farine, formare un buco al centro e rompervi le uova, mescolarle e unire man mano la farina dai bordi. Impastare fino a formare un panetto liscio e lasciarlo riposare mezz'ora, coperto da una ciotola rovesciata.
Riprendere il panetto e stenderla sottile. Io ho lavorato con un pezzetto piccolo alla volta, quindi da ogni pezzo ricavavo 1 o massimo 2 quadrati.
Terminato l'impasto, lessare pochi pezzi per volta in abbondante acqua bollente, quindi tuffarli in acqua ghiacciata e lasciarli scolare in uno scolapasta.



Per il ragù:

versare l'olio in una padella, unirvi cipolla, aglio e carota tritati a coltello e lasciar cuocere a fuoco medio basso per circa 5 minuti. Unire il macinato e sgranarlo con un cucchiaio di legno, attendere qualche minuto in modo che l'olio si scaldi di nuovo e versare il vino, lasciandolo evaporare. Aggiungere i pelati e il basilico e lasciar cuocere coperto, a fiamma bassa, per circa 1ora e trenta. Il sugo deve rimanere piuttosto "lento". Rimuovere le foglie di basilico.

Per la besciamella:

far bollire il latte. In un pentolino sciogliere il burro, aggiungere la farina setacciata mescolando con energia e versare il latte poco per volta. Lasciar cuocere mescolando fino alla densità voluta (io l'ho lasciata abbastanza liquida). Grattuggiarvi abbondante noce moscata e salare con moderazione.

Assemblare:

quando ragù e besciamella sono raffreddati, versare uno strato di besciamella e ragù sul fondo e sulle pareti della teglia. Disporre uno strato di lasagne, ricoprirle di ragù e besciamella, aggiungere il condimento (uova, mozzarella, gouda e parmigiano) e proseguire fino a terminare la sfoglia. Sullo strato superiore versare solo ragù, mozzarella, grana e gouda (senza besciamella e uova).

Cuocere a 180° per circa 30 minuti, togliere dal forno e lasciar assestare circa 10 minuti.





Partecipo all'MTC di Ottobre


8 commenti:

  1. Ha un aspetto grandioso....giuro che nonostante la panza gonfia ( causa minestrone di mamma )....una bella porzioncina la mangerei anche ora...:P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a rivedere la foto torna fame anche a me :D ma si sa, io al mattino ho un appetito generoso :D

      Elimina
  2. Visto le problematiche di eseguire la sfoglia in condizioni avverse, e visto il risultato, dovresti avere la vittoria ad honorem!!!!
    Brava Vale ma....il Portoghede ha gradito?
    A presto
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha gradito eccome!! :) effettivamente lo merito un premio per la fatica e le condizioni avverse! Un bacione!

      Elimina
  3. Aspettavo proprio la tua di lasagna! Avevo pensato anche io a farla come il timballo abruzzese... Anche da te si fa con le "pallotte", spinaci, mozzarella, pisellini ecc...ecc..e in bianco??
    Mamma quanto la amo! E quanto fa Natale! Un Natale senza timballo è un Natale triste! :))
    Comunque ho scoperto il gouda qualche mese fa, l'ho trovato al Lidl (avoja a km 0 hahahahahaha!), mi è piaciuto moltissimo e quasi quasi alla prossima lasagna ce lo ficco dentro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La versione in bianco io la adoro, ma a casa mia non riscuote molto successo.... tsè, cosa di perdono!!

      Per il gouda: km più, km meno :D

      Elimina
  4. che spettacolo la tua sfoglia poi è perfetta

    RispondiElimina