lunedì 23 maggio 2016

Cheesecake alla vaniglia in pentola a pressione

Eccomi qui, sempre sul filo del rasoio, ma sempre (o quasi) presente all'MTC!
Questo mese il guanto della sfida lo hanno gettato Anna Luisa & Fabio, del blog Assaggi di viaggio. Sono alla loro seconda vittoria dell'MTC (il che non stupisce, guardate con quale meraviglia hanno vinto il mese scorso!)
Io non ero ancora presente ai tempi della loro prima vittoria, perciò mi sembrava carino tediarli ora con due proposte :D Confesso di aver preparato anche una proposta salata, ma per onestà ho deciso di non pubblicarla, dato che il gusto non mi aveva convinta. Studierò le proposte degli altri sfidanti con maggiore attenzione, perché esteticamente le monoporzioni di cheesecake salate mi hanno davvero entusiasmata.
Mi sono rifatta con la versione dolce: ho preparato una versione di prova per capire la cottura e poi mi sono lanciata in una serie di preparazioni che mi incuriosivano da tempo (i graham crackers, le due salse al microonde, la stessa cottura in pentola a pressione). 
L'anno scorso avevo visto che su molti blog americani giravano cheesecake cotti in pentola a pressione ed ero molto incuriosita. Avevo anche trovato la ricetta dei famosi graham crackers sul libro di Martha Stewart e mi ero sempre detta "ora la faccio...". Per fortuna sono arrivati Fabio e Annalù, altrimenti non mi sarei mai decisa!

Premetto che non abbandonerò più questo metodo di cottura per le cheesecake: la crema rimane morbida e... cremosa, non rischia di asciugarsi troppo e cuoce in fretta :D
Io ho utilizzato una pentola a pressione da 6 litri, cuocendo ad alta pressione (livello 2 delle nuove pentole). Con una pentola di vecchia generazione immagino occorra allungare i tempi di cottura, ma non so di quanto! Per tenere lo stampo sollevato, ho utilizzato il treppiedi e l'inserto per la cottura a vapore che erano in dotazione con la pentola. Ho inserito in fondo alcune foto che spero rendano l'idea. 



I graham crackers sono buonissimi!!! Penso che oramai i digestive li lascerò solo per le emergenze, data la loro reperibilità.

Mi scuso per non poter fornire indicazioni sulla paternità delle salse: erano copiate su dei fogli volanti da ormai un anno, quando, appunto, studiavo le cheesecake. Erano scritte in inglese, quindi deduco provengano da blog stranieri :) Chiunque le abbia inventate però, merita la mia gratitudine: veloci, gustose, goduriose... Vi chiederete perché 2 salse: il Portoghese la voleva al cioccolato, io volevo il caramello... A onor del vero, vi riporto le parole del Portoghese: "È talmente buona che la salsa non era necessaria!".

Passiamo alla ricetta, decisamente più complicata da spiegare che da preparare :) Ma prima... lo psico-test di Dani e Giulia!





Un minuto di silenzio per il cheesecake salato bello (carino, un tipo, dai) ma sfigato: 




Cheesecake alla vaniglia con salsa al cioccolato e salsa al caramello 








INGREDIENTI per i Graham crackers ( da "Cookies", Martha Stewart)

180 g di farina
120 g di farina integrale
 56 g di germe di grano non tostato
1/2 di cucchiaino sale
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di cannella
226 g di burro a temperatura ambiente
150 g di brown sugar
2 cucchiai di miele

Mescolare in una ciotola farine, germe di grano, sale, bicarbonato e cannella e lasciare da parte.
In un'altra ciotola (o nell'impastatrice) mettere burro, zucchero e miele e montare con le fruste elettriche (o con il gancio a foglia) per circa 3 minuti, fino ad avere un composto chiaro e spumoso. Ridurre la velocità e unire le polveri, continuare a montare fino ad amalgamare (pochi secondi, non lavorare troppo il composto!). Formare con le mani un panetto e dividerlo a metà (io a questo punto ho congelato una delle due metà): stendere ciascuna parte tra due fogli di carta forno leggermente infarinata e formare un rettangolo di circa 3 mm di spessore. Ricavare dei rettangoli più piccoli incidendo leggermente con la rotella, senza spingere fino in fondo e praticare dei fori con una forchetta. Lasciare in freezer per 20/30  minuti.
Portare il forno a 180° e cuocere i graham crackers per 8/10 minuti circa o fino a quando non saranno ben dorati. Togliere dal forno, passare nuovamente la rotella per separarli, lasciare 5 minuti nella teglia e poi spostarli su una gratella, aiutandosi con una spatola. Far raffreddare completamente.





INGREDIENTI  per il cheesecake (18 cm di diametro):

Per la base

300g di graham cracker 
100 g di burro morbido

Per la crema:

450 g di philadelphia
130 g di panna acida
100 g di zucchero alla vaniglia (zucchero conservato in un barattolo con le bacche di vaniglia)
un pizzico di sale 
2 uova piccole

Preparare il cheesecake:
Ungere le pareti dello stampo e ricoprire il fondo di carta forno. 
Tritare i biscotti in un mixer, aggiungere il burro morbido e frullare ancora qualche secondo, quindi versare sul fondo dello stampo e pressarlo, aiutandosi con un bicchiere. Lasciare 30 minuti in freezer. Rimuovere dal freezer e coprire la base dello stampo con della carta stagnola che arrivi fino a metà altezza .

Per la crema: utilizzare tutti gli ingredienti a temperatura ambiente! Versare i formaggi in una ciotola e mescolare con una spatola, unire lo zucchero, il sale e le uova e amalgamare. Rovesciare la crema sulla base.

Per la cottura:  preparare una striscia di alluminio da usare a mo' di imbracatura.
Sul fondo della pentola sistemare il treppiedi e l'inserto per la cottura a vapore. Versare 400 ml di acqua e, aiutandosi con l'imbracatura :D, "calare" la torta facendo in modo che rimanga in piano e non penda. Piegare i lati della striscia per non intralciare la chiusura del coperchio. 
Chiudere la pentola e portarla a pressione su fiamma alta. Appena raggiunge la pressione, abbassare la fiamma e far cuocere 40 minuti. Togliere dal fuoco e aspettare che la pentola sia sbloccata. Rimuovere il cheesecake, togliere la carta stagnola e far raffreddare a temperatura ambiente su una gratella, poi lasciare in frigo una notte. Se togliendola dalla pentola notate un leggero strato di acqua sulla superficie, eliminatela con uno scottex.
Togliere dal frigo circa 20 minuti prima di consumarla, accompagnando con le salse.





Per la salsa al cioccolato nel microonde:

40 g di sciroppo di mais (o in alternativa glucosio)
125 ml di panna fresca a temperatura ambiente
100 g di cioccolato fondente tagliato in pezzi

Pesare lo sciroppo di mais in un contenitore in pyrex (o altro materiale da microonde), unirvi la panna e cuocere in microonde ad 800 watt per 2 minuti, mescolare e cuocere altri 2 minuti ad 800 watt. Rimuovere dal microonde, aggiungere la cioccolata e far riposare 2 minuti, quindi mescolare energicamente con una frusta a mano.

Per la salsa al caramello al microonde:

56 g di burro
190 g di zucchero (io: metà brown sugar e metà zucchero semplice)
125 ml di panna fresca a temperatura ambiente
1/2 cucchiaino di sale

 Mettere il burro in un contenitore in pyrex dai bordi alti e far sciogliere in microonde per 1 minuto e 30 secondi a 500 watt. Aggiungere zucchero, sale e panna, mescolare e rimettere in microonde per 2 minuti a 800 watt. Mescolare e rimettere in microonde a 800 watt per altri 3 minuti. Rimuovere, mescolare e far raffreddare (si addenserà ulteriormente raffreddandosi).







Con questa proposta partecipo all'MTC del mese di maggio 2016 (link)



14 commenti:

  1. Ma quante cose s'imparano! Pure la cottura nella pentola a pressione!

    RispondiElimina
  2. Solo tu Vale, potevi studiare la cottura in pentola a pressione del cheesecake!!
    Il risultato mi sembra davvero sublime, ho una gran voglia di provarci.
    Le due salse sono una più goduriosa dell'altra, e il fatto che siano semplici e veloci da fare aggiunge mille punti a una ricetta che nel suo complesso già mi attira come poche.
    Brava davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dirò, per una volta sono soddisfatta anch'io :) Grazie Mapi, un bacione :)

      Elimina
  3. Fratella cara, tu non sai...mai io sono una fan della pentola a pressione. Mi ha salvata quando ero studentessa fuori sede e tornavo la sera a casa dopo ora di lezione con una voglia di spezzatino che non ti dico. Ma anche per le verdure...e i risotti dell'ultimo secondo.
    Ora la utilizzo un po' di meno ma sappi che questa cosa del cheesecake non la conoscevo e voglio provarla.
    Grazie mille!

    p.s. per la versione salata abbiamo pensato entrambe al salmone. Lo vedi che siamo proprio fratelle? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu sei la fratella cheffa però ;)

      Elimina
  4. Complimenti! Molto carina tutta l'idea! Tutto da copiare subito! Ciao ciao!

    RispondiElimina
  5. Hai usato un metodo di cottura davvero originale, mi incuriosisce molto. La consistenza finale in effetti sembra molto piacevole. Ti dico la verità, io la proverei anche con un mix delle due salse :-D
    Grazie!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm, io in effetti ho fatto un bel mix, che però mi pareva troppo da fotografare :D

      Elimina
  6. Ecco mai avrei creduto possibile fare una cheesecake nella pentola a pressione!!
    Interessantissimo

    RispondiElimina
  7. .......................................................................................................questo era il minuto di silenzio per il cheesecake salato :-D
    Ti sei letteralmente ingegnata a preparare questo cheesecake, dalla preparazione dei Graham crackers, alla cottura in pentola a pressione con calata del cheesecake nella pentola imbracato dall'alluminio ed infine le due salse al microonde. Il risultato è uno spettacolo di cremosità! :-P
    Grazie mille
    Anna Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. apprezzo tantissimo la tua solidarietà :) Questo cheesecake ha tirato fuori tutto il mio lato mtcino... merito vostro :) Grazie a voi!

      Elimina