martedì 4 giugno 2013

Dolcetti al burro d'arachidi (gluten-free, senza uova e senza forno)

A volte ritornano :)
Come state? Spero bene!

Io ho appena finito di pranzare, ebbene sì, ogni tanto cucino ancora! Non so se ve l'ho detto,ma vivo -in un appartamento che adoro- con una ragazza giapponese di 22 anni, con la quale mi trovo bene, anche se è nuova alla convivenza e va educata (tranquilli, non con la cura Ludovico, eh! Non ancora, almeno :D ) ed è appassionata di cucina. Ovviamente a modo suo. E ovviamente preferisce l'italico modo, perciò appena mi vede mangiare si avvicina con la forchetta, dicendo 'ValentinO, io voglio provare'. Sorvolo sulla storpiatura del mio nome, sorvolo molto meno sul fatto che mi sembra di avere una sorella minore, che a tratti diventa una figlia.
Non lo fa con cattiveria, eh, è anche gentile e cerca di sdebitarsi, ma voi accettereste con entusiasmo la lattina di zuppa goulash in cambio di un piatto di spaghetti al ragù homemade? Ecco.
Oggi stranamente non ha avvicinato nessuna forchetta. Forse perché le avevo appena fatto notare che pulire 1 volta al mese non è proprio equo? :) (io pulisco tutti i giorni, non è che aspetto lei, ndr)
Vi confesso che io la butto sempre sul ridere e sono contenta di averla come coinquilina, però non posso mai abbassare la guardia quando cucino :) lei gira intorno, annusa e... si siede a tavola, brandendo la sua forchetta! E ancora non ho preparato alcun dolce!

Questi dolcetti arrivano dritti dal libro di Martha Stewart, "American Food": un libro bellissimo, che mi manca molto :D il primo che viene a trovarmi dovrà infilarlo in valigia.
Colpa dello Starbooks, che con il suo team fa un lavoro certosino e ti permettere di comprare un libro di cucina sapendo già se ne varrà o meno la pena. E quello di Martha vale tutta la spesa: chiaro, esatto nelle dosi e nei procedimenti e sono tutte ricette sfiziosissime!
Il bello dei libri di Martha è che sembra di averla accanto: non trascura nessun passaggio, nessun dettaglio, sono davvero ricette alla portata di tutti, dai meno pratici ai più esperti. Questo libro poi è talmente ricco di ricette e preparazioni che troverete per forza qualcosa (più di qualcosa) che fa al caso vostro! Io mi sono innamorata di questo libro ;)

Siccome il libro è a casa ed io non mi ero salvata qui sul blog la ricetta prima di partire, la 'rubo' dall'Araba Felice (scusa Stefania!) che poi è la portavoce di Martha :-) Io ricordo che avevo dimezzato le dosi ed avevo ottenuto circa 15/18 pezzi.
Li ho preparati due giorni prima di partire, sempre con l'obiettivo di consumare le cose in giacenza che mia madre non avrebbe smaltito, in questo caso il burro d'arachidi. L'indomani li abbiamo mangiati come 'merenda', insieme ad un po' di amici che sono venuti a salutarmi. Be', un successone :) Martha è proprio una garanzia! Tra l'altro, insieme a questi dolcetti avevo servito anche la mitica torta magica di Stefania, che oramai è un must nella mia famiglia ;)








100 g di burro di arachidi
55g di burro a temperatura ambiente ma non sciolto
160 g di zucchero a velo
cioccolato fondente per ricoprirli


Lavorare il burro di arachidi con il burro morbido usando un mestolo o una spatola finché saranno perfettamente amalgamati.
Unire quindi lo zucchero a velo a poco a poco lavorando prima con il mestolo e alla fine impastando il tutto con le mani.
Appena si ottiene un impasto amalgamato prelevarne piccole porzioni che andranno roteate tra i palmi delle mani formando delle palline.
Far riposare le palline in frigo, o meglio in freezer per una decina di minuti, quindi fondere il cioccolato.
Usando uno stecchino infilzare ogni pallina e passarla per metà nel cioccolato fuso, quindi appoggiarla su carta forno a rassodare.
Per renderli più carini con il dito far sparire il buchino che lo stecchino lascerà.








Provateli! Sono buonissimi, scioglievoli, con quel contrasto arachidi/cioccolato che è la fine del mondo... 


Ciao a tutti e, se non vi siete stufati, ancora dita incrociate :D 


Vale*











18 commenti:

  1. Sono innamorata *_* Ho giusto del burro d'arachidi in dispensa :D Grazie per l'idea! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me ne sono innamorata anch'io :) grazie a te!

      Elimina
  2. Valeeee ma come ti leggo allegra e che bello!! La cucina italiana è la migliore tesoro e la tua coinquilina se ancora non lo sa lo scoprirà presto..e non le hai ancora preparato alcun dolce..hai detto bene!! Ottimi i dolcetti, me ne sono innamorata anche io! Le dita sono sempre incrociate tesoro <3 e un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia coinquilina l'ha imparato fin troppo in fretta :D
      Un bacione a te!

      Elimina
  3. Per quanto riguarda la tua coinquilina : AHAHAHAHHAHAHA.....
    E questi dolcetti sono un sballo..mi tocca provarli..ho del burro d'arachidi che piange in dispensa :P
    Ti voglio bene <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono una droga, fidati...

      Ti voglio bene anch'io!

      Elimina
  4. il burro d'arachidi non lo conosco però l'idea di questi dolcetti mi piace, li trovo davvero ottimi e pure veloci!! ma tu sei davvero mooolto paziente con la tua coinquilina.. una che mi ruba il cibo avrebbe vita breve!!! aspettando news ti mando un grosso bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, finché la pazienza dura :D

      Un bacione a te!

      Elimina
  5. MI hai fatto morire con la storia della portavoce di Martha :-) speriamo ti legga e mi assuma ;-)

    Questi creano dipendenza, lo so...

    RispondiElimina
  6. Però hai una coinquilina che ti fa lavorare:))) così ti tiene occupata :p
    Sono felice di sentirti su ' anche perché sai che ti penso spesso e per me dei stata coraggiosa a cambiare !
    Anche io ho puntato quel libro !!!! E questi dolcetti son veloci e buonissimi !!!
    Un bacione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di tutto Ombretta <3

      Coraggiosa? No, solo incosciente :)

      Elimina
  7. Valentina che gioia rileggerti! Sei in Germania? Con una coinquilina giapponese e rompiscatole? Coinquilina a parte che più che rompiscatole è saggia, come si fa a resistere alla tua cucina?, come stai? Ti trovi bene in Germania?
    Adesso divento rompiscatole anch'io e prendo qualche dolcetto, posso? Ricambio col tè!
    Un bacione grande grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma certo che puoi! Anzi, devi!

      Un abbraccio.

      Elimina
  8. hanno un aspetto delizioso, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. ValentinO, se ti porto il libro di Martha... non posso neanche chiederti di offrirmene uno di questi dolcetti, perchè morirei sul colpo (per davvero: allergia alle arachidi)... ma un saltino dalle tue parti, quest'estate, mi sa che lo faremo... ma prima, devo pensare agli incroci delle dita più proprizi!
    Grazie infinite e in bocca al lupo per tutto
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. troveremo qualcos'altro in questo libro che è il pozzo di San Patrizio!

      Se capiti qui, Devi dirmelo, ci conto!

      Grazie a te e crepi il lupo :)

      Elimina