giovedì 25 settembre 2014

Riso pilaf allo zafferano con nocciole

Non lo dico più che sono tornata, perderei credibilità. Ma l'MTC è tornato e la sua, di credibilità, è indiscussa. Esattamente come il suo richiamo. Nonostante l'apatia, il tempo che si è notevolmente ridotto e la mia incapacità di gestirlo, non riesco a non partecipare. Sarà perché, in fondo, so che è un'occasione unica per imparare e uscire dai miei limiti. Del resto non ho mai nascosto di avere bisogni di stimoli esterni. Quelli interni si perdono nel tragitto casa-ufficio :)


Annalena questo mese ci regala non una, non due ma ben 3 lezioni di altissima cucina! Adoro questo aspetto del web: avere una tale conoscenza e competenza e metterla a disposizione di chiunque senza nessun tornaconto. La quintessenza della generositá 2.0! :)
Questa è stata la mia riflessione spontanea di fronte al post magistrale di Annalena e mentre cercavo ispirazione ho riflettuto sull'ampia scelta di riso che trovo qui nei supermercati turchi e da lì il brainstorming mi ha portata fino a Memet. Memet è il padrone della casa dove ho vissuto a Colonia, nonché la persona più generosa che io abbia incontrato in Germania e in tutta la mia vita, secondo, forse, solo a mio padre. Di origini turche ma cresciuto qui e sposato con una spagnola, ha avuto un ruolo principale per quanto inconsapevole nella mia esperienza crucca. La sua disponibilità totale di fronte ad una sconosciuta, la fiducia che ha nutrito sin dall'inizio in questa strana coppia che siamo io e il Portoghese, l'offerta generosa di venderci mobilio &co ad un prezzo che definire simbolico è ancora troppo poco e che ci ha permesso di trasferirci e avere una casa arredata e accessoriata pe la quale, altrimenti, sarebbero occorsi mesi (e sicuramente il Portoghese si sarebbe opposto all'acquisto della lavastoviglie). E ancora le sue parole, sempre arrivate al momento giusto, il sorriso caldo e l'allegria dei momenti (pochi purtroppo) trascorsi con lui e Miriam mi hanno fatto ricordare dello zafferano che ci hanno regalato e che mi è sembrato doveroso usare.

Ho voluto "creare" qualcosa di semplice, caldo e delicato ma colorato e con una nota croccante, perché non si pensi che loro siano dei tipi piatti!
Confesso che volevo profumare e aggiungere un tocco di sapore con un'arancia ma al momento di utilizzarla era... troppo tardi, andata e ammetto che manca una nota un po' decisa all'interno di un piatto che mi ha comunque soddisfatta.

La cottura pilaf mi ha aperto un mondo: il riso che trovo si presta benissimo e il metodo offre così tante combinazioni che so già che non lo abbandonerò più!













Riso M&M ovvero

Riso pilaf allo zafferano con nocciole

Ingredienti per 1 persona di appetito

100 g di riso turco sari sivri
1 cucchiaino di pistilli di zafferano
2 chiodi di garofano
1 cipolla grande
2 cucchiai abbondanti di lamelle di nocciole
olio evo
sale & pepe nero di mulinello

Ho sciacquato il riso più volte.
Intanto ho scaldato due cucchiai di olio evo in una padella di acciaio e ho lasciato ammorbidire la cipolla e i chiodi di garofano a fuoco lento per pochi minuti, dopodiché ho unito il riso e fatto insaporire per 5 minuti circa.
Tostare le nocciole a lamelle in un padellino antiaderente senza condimenti.
Ho sciolto lo zafferano in 200 g di acqua bollente e l'ho versato sul riso, ho riportato a bollore, salato e coperto per 15 minuti. A questo punto il riso aveva assorbito tutto il liquido ed era perfettamente sgranato. Ho aggiunto un giro d'olio, altro sale e pepe e le nocciole. Ho coperto e lasciato riposare 15 minuti.









Con questa ricetta partcipo all'MTC di settembre e mi impegno a tornare al mio blog :)







14 commenti:

  1. Adesso vengo lì e ti picchio a chicchi di riso in testa! corro avedere perchè ti lamenti del tuo riso .....ma valààààààààààààààààà ...;*

    RispondiElimina
  2. semplice ma gustosa secondo me non sfiguri affatto, anzi!!

    RispondiElimina
  3. Per quanto mi riguarda è uno di quelli che preferisco, con poco ottengo un piatto unico più che saporito! E poi se ti ricorda una persona così bella acquista un valore aggiunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tanto sapore con poco: questo mi ha conquistata del pilaf :)

      Elimina
  4. Profumato il tuo riso e con il carattere delle nocciole.
    Profumato come l'amicizia che spesso si incontra seduta sul sentiero, mentre saliamo la china di questa vita faticosa.
    Profumato come l'aria di CASA. Dove casa è un angolo di cuore, di coscienza, di affetto.
    Bentornata Valentina... WIELKOMMEN ....ZURUCK.......
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Herzlichen Dank, cara poetessa Nora!!

      Elimina
  5. una ricetta che parla prima di tutto al cuore. Ma poi decisamente anche agli occhi ed al palato. Con grazia, con cura. Less is more...
    E poi ecco svelato il mistero del riso sari sivri... che ovviamente devi assolutamente condividere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Annalena: merito tuo, del tuo post stupendo che ha scatenato pensieri felici!

      Elimina
  6. Ahahahahah....ma è un miraggio ? O è un post vero ??? Prrrr !

    Che belli i pensieri associati a questo piatto...piatto che assaggerei molto volentieri, preparato dalle tue manine sapienti :)

    RispondiElimina
  7. e io sono contenta.
    contenta di rivederti, contenta di sapere che c'è ancora tutto- il lavoro, il Portoghese, la casa nuova e pure con la lavastoviglie e sempre questa voglia di ricordarci quanti siamo importanti per te: ma non sai quanto tu lo sei per noi, quanto ti pensiamo, lassù al freddo, da sola, ad affrontare il peso di scelte coraggiose e difficili, che ti rendono straordinaria ai nostri occhi e ancora più cara ai nostri cuori. E se una ricetta può bastare, per farci sentire presenti, l'una agli altri, che ricetta sia, a maggior ragione se come questa, che ha la voce della delicatezza, della semplicità, della gratitudine. Non sai quanto bene ti vogliamo, tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tanto mi ero commossa che non ti avevo nemmeno risposto. Grazie di cuore.

      Elimina