venerdì 18 maggio 2012

Patburgers

Grazie ragazze, per tutti i complimenti e i discorsi dell'ultimo post! Grazie davvero! Proposte di adozione a distanza non ne sono arrivate, forse perché avevo dimenticato di specificare: "1000 € trattabili".
Io in questo momento sono seduta sul letto con una tazza di tè in una mano: è tornato l'inverno! Il mio progetto di spalmarmi al sole con una pila di libri è rimandato a data da definire. La pila di libri è l'unica costante invariata! Ho terminato "The particular sadness of lemon cake": qualcuno di voi mi aveva consigliato la Bender e ammetto che mi ha rapita: è coinvolgente, poetica, molto fantasiosa. Gli strani poteri posseduti dai personaggi secondo me sono meno improbabili di quanto sembrino: Rose percepisce i sentimenti di chi ha preparato il cibo che mangia. In fondo questa cos'è, se non l'empatia che proviamo tutti quando non siamo presi da noi stessi, quando siamo particolarmente sensibili o ricettivi?
Insomma, davvero un bel libro! Altri consigli?
Io aspetto i vostri suggerimenti in fatto di libri, ma permettetemi di consigliarvi questi burgers: buonissimi! Io li ho mangiati per cena, ma ne ho preparato anche uno mignon: perfetto da buffet o da aperitivo! (La dueenne guardando il mignon esclamava: torta! torta! O lei è un po' confusa o io ho il dono del trompe l'oeil e non lo sapevo!)


Da "Cucina no problem", giugno 2006 (la rivista li chiama "hamburgers di patate", ma l'ham non c'è e io mi sentivo creativa :D)

INGREDIENTI per 4 burgers grandi e 2 piccoli

750 g patate (peso da crude)
1 tuorlo o 1 albume
1 cucchiaio di pangrattato
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
sale
noce moscata

Per la panatura:

5/6 cucchiai di pane grattato
1 cucchiaio di semi di sesamo

Per la farcitura:

5/6 fette di prosciutto cotto
100 g di stracchino (o robiola, o philadelphia: quello che vi piace insomma, meglio se spalmabile)


Lessare le patate, sbucciarle e schiacciarle. Unire il tuorlo (o l'albume), il sale, il pangrattato, il parmigiano ed una spolverata di noce moscata. Amalgamare bene: ne risulterà un composto lavorabile a mano.
Formare i burgers, a mano o versando l'impasto in un coppapasta rotondo (55 g per quello da 8 cm e 15 g per quello da 4 cm sono le proporzioni ideali per mangiare tutto in un sol boccone: i miei erano leggermente fuori misura!).
Panare i burgers nel misto di pane&sesamo, sistemarli su carta forno, spruzzarli d'olio e cuocerli a 200° per 20 minuti (10 per quelli piccoli), rigirandoli a metà cottura.
Sfornare i burgers, spalmare con lo stracchino precedentemente lavorato con una forchetta e ripassarli nel forno ancora caldo (anche spento) per una ventina di secondi, il tempo di far sciogliere il formaggio; adagiarvi il prosciutto e coprire.
Servire con un'insalatina (che ci dà l'idea di consumare un pasto sano).



Ed il mini patburger per la big Principessa di casa (che però ha un nome da Regina):


Solo rivedendoli mi torna l'appetito!
L'impasto si può arricchire con un cucchiaio di frutta secca tritata: io non ne avevo in casa, ma secondo me ci sta davvero bene! Non so se sia un secondo, un piatto unico, una porcheria :) ma so che è davvero sfizioso!
Vi auguro un buon week end!
Alla (settimana) prossima,
                                       Vale*

15 commenti:

  1. beh ma che buoni questi burgher di patate.. non ho nessuna difficoltà ad immaginare il sapore e mi piace.. molto!!!! bella ricetta!!!

    RispondiElimina
  2. Mai letto l'ombra del vento o Marina di Zafon ?? Sono due libri bellissimi.
    Questa ricettina mi piace molto, poi io amo le cose "piccole", da un boccone e via..
    P.S. Complimenti per le foto...la mia Valentina, fa progressi da gigate !
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vada per Zafon! Grazie dei complimenti, soprattutto per le foto: tu dici che miglioro? Io faccio come dici tu: 1000 scatti e seleziono il meno peggio :D

      Elimina
  3. Ciao Vale:-) eccomi !!! guarda che non volevo farti venire la lacrimuccia ... mi stai simpatica in piu' leggi pure:-) io sto cercando "La cucina degli ingredienti magici" di Jael Mc Hennny mi hanno detto che e' bello! Come Mary mi piace Zafon ma anche Falcones con "La cattedrale del mare" tra i piu' bei libri letti!!! mi piacciono un sacco i tuoi burghers ,solo che li farei fuori tutti!!!!! buon sabato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ombretta, mi fa così piacere leggere queste parole :)
      Vada per Zafon, l'ho già visto in biblioteca ;)
      I burgers erano come le ciliegie :D
      Un bacione!

      Elimina
  4. Ciao tesorina!! Chiamali come vuoi ma io bado più alla sostanza e li devo provare al più presto, mi rimetterei a tavola per papparmeli uno per uno!! Troppo buoni!!
    E complimenti!! Scappo al mio pomeriggio di shopping cara Vale, tu passa un buon we e un bacione grande!!
    ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Vale: pensiamo alla sostanza! hihihi!
      Ciao bella!

      Elimina
  5. Ciao Valentina! Bellissima ricetta: golosa e graziosa! :)
    Ti auguro una buona serata!

    RispondiElimina
  6. Io "burgherizzo" tutto, ma alle patate non avevo pensato: hanno un ottimo aspetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Regina dei burgers (e non solo) :)

      Elimina
  7. FRIENDLY FOOD BLOGGER MEETING venite a scoprire di cosa si tratta! http://torsolo-di-mela.blogspot.it/2012/05/friendly-foodblogger-meeting.html

    RispondiElimina
  8. Che fantastica idea!!! devo assolutamente rifarli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :)prova prova: ne vale la pena ;)

      Elimina