domenica 13 maggio 2012

Torta di rose per la mia Mamma

E ogni tanto questa Mamma la vogliamo viziare o no?
Voi dovete sapere che io sono una grandissima rompiballs con mia madre: la rimprovero perché mangia troppo e male (senti chi parla, direte voi!), la sgrido sempre perché mischia proteine diverse e usa troppo olio, perché s'è fatta troppo bionda, e perché si incaxxx troppo con me :D Insomma, io un motivo per rompere l'anima al prossimo lo trovo sempre, soprattutto se il prossimo in questione è mia madre!
Ma lei resta il mio vero pilastro, il mio punto fermo, colei la cui voce è l'unica in grado di rassicurarmi quando c'è qualcosa che non va. Lei è anche quella che non mi prende mai sul serio quando di matto (circa 3 volte al giorno, dopo i pasti), che ha un gran senso dell'umorismo (l'ho preso da lei) e tanta forza. 
Io vorrei avere un decimo della sua forza, del suo senso dell'orientamento e i suoi occhi verdi bellissimi!
Auguri Mamma, visto che oltre alle begonie c'è scappata pure la torta burrosa? :)

Una sera mi racconta di aver intravisto un dolce proposto da Benedetta Parodi (che io aborro: srotola tutto ciò che si vende al supermercato, farcisce con mezzo banco salumi, 30 minuti a 180° cotto e mangiato. Ma và và): delle strisce farcite con una crema a base di burro e zucchero. Lo devi fare qualche volta!
Udite udite! Mia madre non me lo chiede quasi mai: abbiamo gusti così diversi che se piace a lei non piace a me. Potevo non prepararle una sorpresa per la sua festa?









INGREDIENTI per la base:

350 g farina
    3 tuorli
    3 cucchiai di olio di semi
    3 cucchiai di zucchero
150 ml di latte tiepido
  15 g lievito di birra
buccia grattugiata d'arancia
pizzico di sale

per il ripieno:

110 g burro a temperatura ambiente
140 g zucchero
10 g zucchero vanigliato (zucchero che faccio a velo e lascio nel barattolo con la stecca di vaniglia)
mezzo cucchiaino di cannella



Far sciogliere in 100 ml di latte il lievito. Setacciare la farina, scavare un incavo e versarvi tuorli, sale, olio, buccia d'arancia e zucchero ed impastare (io nell'impastatrice). Unire il latte con il lievito, continuando ad impastare, e versare gli altri 50 ml poco per volta, valutando se sono pochi o troppi: per me erano pochini, ne ho aggiunti altri 20 ml circa (quindi in tutto 170 ml). Lasciar lievitare fino al raddoppio: a me è bastata poco più di un'ora.
Intanto preparare il ripieno: lavorare il burro morbido con la forchetta, amalgamarvi gli zuccheri e la cannella.
Riprendere l'impasto, stenderlo in una sfoglia rettangolare di 5 mm  e spalmarvi il ripieno,arrotolare dal lato lungo e ritagliare dei pezzetti lunghi circa 5 cm, che ho sistemato distanti in una teglia di 28 cm coperta di carta forno. Voi ricordatevi di chiudere le rose sotto :) Far lievitare fino a che le rose saranno gonfie ed unite tra di loro.


Infornare a 180°, statico, per 25 minuti.
Spolverizzare di zucchero a velo.


Ovviamente il dolce che mia madre aveva visto era la torta di rose. Altrettanto ovviamente, io ho cercato una ricetta sperimentata da qualcuno che non fosse la Parodi :D E mi è venuta in aiuto Cinzia, che con il suo gioco "dai! ci scambiamo una ricetta?" mi ha fatto conoscere il blog di Pam (qui) che proponeva proprio una torta di rose (questa): perfetta! Un impasto sofficissimo, leggero, senza burro (e magari sostituendo il latte con latte di soia diventa perfetto anche per gli intolleranti, chiaramente variando il ripieno). Io ho diminuito la dose di burro del ripieno perchè l'avevo finito :D ed ho insaporito con vaniglia e cannella, tanto oggi il tempo è orribile e i profumi invernali ci stanno bene!
La mamma mi ha già chiesto se lo preparo anche con la crema: Pam, è un miracolo! Grazie!! :*
Ho sconfitto il mostro nero della torta di rose (mai provata perchè io con i lievitati ci vado con i piedi di piombo) e ho trovato LA ricetta al primo colpo: variando i ripieni, diventerà il dolce da portare a cena ;) e chi l'abbandona più?

Sto diventando sempre più logorroica: esattamente come sono dal vivo. C'è voluto un anno di blog ma ce l'ho fatta ad aprirmi: e sì, 1 anno esatto, compiuto 2 giorni fa ed io me n'ero dimenticata: fortuna che una nuova lettrice -attenta- spulciando se n'è accorta!
Lo so, siete stremati, ma permettetemi un ultimo, ma non meno importante pensiero: alle mamme di testa e di cuore. In questi giorni ho letto molti post che mi hanno commossa fino alle lacrime: è dura accettare un destino avverso, è ancora più crudele quando viene negato un desiderio d'amore. Il destino ha scelto per loro: io posso solo augurarvi buona vita, col cuore.
Baci,
        Vale*



Non conoscete il gioco di Cinzia? Dovete rimediare: partacipando si conoscono nuovi blog, si imparano nuove ricette e soprattutto si assiste alle estrazioni che Cinzia organizza per gli accoppiamenti: poesia pura. Regala a questo gioco una cornice magica: le foglie, le calze, ogni volta ne inventa una :) Grazie Cinzia!



25 commenti:

  1. bellissima ti è uscita e un post spettacolare!!! ne ho preparata una anche con la nutella qualche giorno fa però ho usato un impasto diverso da questo fatto con il burro...non saprei scegliere ma forse questo più leggero è leggermente meglio e lievita di più!!!(anche io con il lievito non ci andavo d'accordo!!!) bravissima davvero e sono felice che in famiglia vogliono il bis!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima tu: io ho seguito la tua ricetta ed ho scoperto una bontà! Grazie mille :) ti farò sapere quando lo ripreparo (prestissimo comunque!) :*

      Elimina
  2. Ma che dolce squisito!! Ho provato a fare questa ricetta qualche gg fa, mi sono così innamorata di questo dolce che ho voglia di provarla a fare con più versioni! Buon inizio settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) Io ho già deciso, anzi ha scelto la mamma: la prossima sarà con la crema! Buona settimana anche a te!

      Elimina
  3. Ciao Vale!
    ma come ti è venuta bella questa torta!! immagino la bonta! io è una vita che dico di volerla fare, mi ci vorrebbe un giono di 48 ore... ottima per la festa della mamma, bravissima! ;-)

    ciao
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, che sei una super donna: riuscirai a raddoppiare le ore :*

      Elimina
  4. Che bello! I tuoi post diventano sempre più pieni di vita, pieni di te!
    A me piacciono i blog dove si raccontano un po' di cose con intelligenza, altrimenti preferisco leggere solo la ricetta. :-)
    Comunque la tua mamma l'hai coccolata benissimo, la torta delle rose è un dolce strepitoso, a te è riuscito davvero benissimo e poi, quell'aroma di vaniglia e cannella...slurp!
    Un bacione grandissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanna, ma come farei senza di te :)? Io temo sempre di scrivere dei papiri insensati e pallosi, poi arrivi tu e mi togli questo peso :)

      Elimina
  5. beh, anche io ho appena scoperto te ma anche io ho trovato un sacco di cose in comune:
    1.Cinzia, cui sono legata da un'amicizia profondissima
    2. lo "scoglio" della torte di rose che per paura di fallire non ho mai provato a fare
    3. l'odio per la Parodi e per certi suoi modi di cucinare (non sono una cuoca nemmeno io, per carità, ma c'è modo e modo di fare le cose ; )
    4. il rapporto di amore-odio con la mia mamma che è sempre una gran rompiballe, come io con lei!
    Che dire infine?? felice di averti trovata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dimenticavo:
      5. anche il mio blog fra pochi giorno compie 1 anno ; )

      Elimina
    2. Bè, direi che avremo molte cose da raccontarci :) Felice anch'io!

      Elimina
  6. ti è venuta una meraviglia superlativa chissà che bontà

    RispondiElimina
  7. Cara Valentina, sono molto felice di conoscerti e ti ringrazio per essere passata a trovararmi. Da oggi nel tuo gruppetto di aficionados ci sono anche io con grande piacere. Ti abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Mi fa davvero piacere :)

      Elimina
  8. beh.. la tua mamma sarà stata felicissima di questa torta, diciamo che l'hai ripagata di tutte le volte che le rompi le scatole!!! anche alla mia mamma piace molto questa torta.. è davvero bellissima e un bocciolo lo mangerei volentieri!!! un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo sia come dici tu :) bocciolo bocciolo è sparito tutto il bouquet!

      Elimina
  9. Deve essere buonissima!! Peccato non poterla fare nella versione senza glutine!
    Ti seguo!

    Vuoi seguire la Milano Food Week e Taste of Milano?
    www.ilmondodiamberle.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace, ma riguardo il gluten free sono molto ignorante :(
      Grazie del follow, passo da te!

      Elimina
  10. Chissà che contenta la tua mamma ;-) brava davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì, tutto quel burro l'ha resa parecchio contenta! Grazie mille Stefania!

      Elimina
  11. sei troppo forte! abbiamo in comune anche l'essere logorroiche e anche io col blog ci ho messo tanto ad aprirmi a chiacchierate e ancora non lo faccio del tutto nei post... io ho una mamma dal carattere fortissimo che haimè non ho preso ma anche io ho preso da lei l'umorismo e lei seppur giovane ha gravi problemi di salute io mi occupo amorevolmente di lei (come lei si è occupata di me finchè ha potuto)ma ci litigo, è una lotta ha da ridire su tutto perchè siamo due donne diverse ma ci si vuol sempre bene tra mamma e figlia anche con i litigi... e si hai ragione troppe donne hanno difficoltà a diventare mamma, non ci avevo mai pensato prima ma per ora faccio anche io parte di loro... grazie del sostegno per le foto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è così scontato che una figlia si prenda cura della mamma: è bellissimo che tu lo faccia :) Litigarci invece è normalissimo: io e la mia siamo agli antipodi per ogni cosa!
      Grazie per il "sei troppo forte" e se cerchi qualcuno chiacchierone all'infinito: l'hai trovato!

      Elimina
  12. Beh! Io ci lavoro con la mia mamma...ti lascio immaginare quante volte litighiamo al giorno e anche noi abbiamo un carattere e gusti completamente diversi...ma un nervoso come riesce a farmelo venire lei non ce n'è eheheheh, la Domenica e quando il negozio è chiuso ci chiamiamo minimo 3 volte al giorno...ovviamente litighiamo anche lì. Ma farei di tutto per lei.
    Adesso che ci penso anche la mia mamma ha degli occhi bellissimi, ma non me li ha passati, solo l'astigmatismo...ti pareva.
    La torta è la mia preferita. e questo dice tutto.
    E poi ti volevo anche dire grazie e grazie e grazie, perché ai fatto attenzione all'impegno che metto per organizzare i sorteggi, perché partecipi anche al prossimo e perché hai scritto parole troppo belle per non farmi arrossire tutta.
    Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che siamo tutte uguali: litigi, nervosismi, ma si torna sempre da lei :)
      La mia mi ha regalato la sua predisposizione a mettere tutto sui fianchi :D
      Le parole che ho speso sono assolutamente meritate! Riesci a coinvolgerci tanto già solo con quelle estrazioni memorabili!
      Un bacione!

      Elimina