venerdì 27 marzo 2015

Quiche lorraine di M. Roux


Quasi 2 anni che vivo in Germania. Scontato dire che mi manca la mia famiglia, mi mancano i miei amici, le mie abitudini. Meno banale dire che mi manca la cucina di casa, piena di piani di appoggio, l'asse per stendere e il mattarello lungo 1 m!
E sì,perché io qui ho un mattarello lungo 20 cm e uso come asse una tavoletta per tagliare il pane. Al massimo tiro fuori la tovaglietta di silicone, piuttosto ampia. Non avendo il tavolo in cucina, sistemo la tovaglietta alla bell'e meglio, ma metà finisce sempre sulla piastra in vetroceramica. Secondo voi è molto lontano il giorno in cui dimenticherò che le piastre sono ancora calde? :)

Tutto questo preambolo per dire che ho fatto un casino :)
Ridottami all'ultimo per partecipare all'MTC di questo mese, ieri sera mi sono decisa ad impastare. Peccato che mi sia ritrovata tra le mani una palla appiccicosa e informe, altro che quelle belle palle liscie che vedo sulle altre pagine! Poi ho capito perché: nello spazio ridotto della mia tavoletta di legno, non ho creato un incavo sufficientemente grande e non ho lavorato bene burro e uova, perciò quando ho unito la farina ho impastato a lungo per amalgamare il burro.. bruciandolo! Ho comunque lasciato riposare l'impasto in frigo (non avendo altro burro per impastare di nuovo) e ammetto che si stendeva comunque alla perfezione. Una volta in forno, però non si cuoceva mai. E l'idea di coprire con un foglio di alluminio è arrivata troppo tardi, per quello è un po' abbronzata. A dispetto di tutto, era buonissima. Le fette che vedete qui sono state la mia colazione. Le ho tagliate e fotografate, pensando "ora le impacchetto per il pranzo". Poi il camionista che alberga in me ha insistito per farci colazione... Ovviamente per il pranzo ne ho tagliate altre due fette....


Ok, è chiaro che con questo post partecipo all'MTC di marzo, nella sezione "errori da evitare" :) Vorrei avere il tempo di rifare tutto, ma ahimé, non c'è. E siccome mi sono già giocata il bonus "passo", non voglio rischiare di essere cacciata a calci :D







La prova del disastro:


Copio e incollo dal post di Flavia: l'autorità in materia è lei, mica io :D

INGREDIENTI per uno stampo da 28 cm di diametro:

Per la pasta brisé:

250 g di farina
150 g di burro, tagliato a pezzettini e leggermente ammorbidito
1 cucchiaino di sale
Un pizzico di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo



Per il ripieno:
375 g di pasta brisée
140 g di pancetta tesa affumicata in un’unica fetta
1 uovo
3 tuorli
300 ml di panna  fresca semimontata con le fruste elettriche
Un pizzico di noce moscata
Sale e pepe macinato al momento
140 g di emmentaler grattugiato

Preparare la pasta brisé: versate la farina a fontana sul piano di lavoro. Mettete al centro il burro, il sale, lo zucchero e l’uovo, poi mescolateli e lavorateli con la punta delle dita.
Incorporate piano piano la farina, lavorando delicatamente l’impasto finché assume una consistenza grumosa.
Aggiungete il latte e incorporatelo delicatamente con la punta delle dita finché l’impasto comincia  a stare insieme.
Spingete lontano da voi l’impasto con il palmo della mano, lavorando di polso, per 4 o 5 volte, finché è liscio. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo fino all’uso.Infarinate leggermente il piano di lavoro e il mattarello. Stendete la pasta con colpi leggeri e pressione regolare, ruotandola di 90° e girandola di tanto in tanto, per evitare che attacchi e facilitare l’aerazione. Continuate così fino a ottenere le dimensioni e la forma desiderate.
Rifilate la pasta in eccesso col coltello o passando il mattarello sulla tortiera. Premete una pallina di impasto sul bordo per alzarlo un poco. Lasciate raffreddare in frigo per 20 minuti perché non si crepi durante la cottura.
Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta per far fuoriuscire l’aria.
Rivestite il guscio di pasta con la carta forno e riempitelo con uno strato di pesi (io: riso).
Cuocete “in bianco” nel forno a190°C per 15 minuti, poi togliete i  pesi e la carta e rimettete in forno per 5-10.

Intanto, preparare il ripieno: tagliate la pancetta a dadini.
Preparate l’ “appareil”  mettendo l’uovo e i tuorli in una ciotola, incorporate la panna semimontata con la frusta ed insaporite con noce moscata, sale e pepe. Distribuite la pancetta e il formaggio grattugiato sul guscio e coprite con il composto di uova fino al bordo. Infornate per circa 15 minuti. Sformate la quiche su una griglia trasferite su un piatto da portata e servite.


Il gusto è ottimo, non oso immaginare con una brisé impastata con tutti i crismi :) . 
Il livello della comunità MTC si alza sempre di più? Meno male che ci pensa Vale ad abbassarlo :)

Buon week end!

6 commenti:

  1. Ma di che ti vergogni!? Mannaggia a te!! Guarda che vengo fino in Germania a strigliarti per benino!
    Io ho saltato la sfida del riso e quella dei muffin causa megatraslochi, megalavoriincorso e un'operazione. Eppure per quanto riguarda i muffins ero riuscita a produrre qualcosa di mangiabile la prima versione e non fotografata la seconda...ma non ho pubblicato, mea culpa sicuramente ed ora me ne pento perché l'mtc non si molla mai!!
    Grandissima come sempre Vale! E me ne sarei fregata un pezzo se tu non avessi fatto l'ingorda a colazione!! :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vieni, dai :) sai quanto ci divertiremmo!!!

      Elimina
  2. Valentina..ma cioè hai fatto i preamboli ad una tragedia...che non c'è!!!Ma a me non sembra per nulla male la tua Quiche... certo un piano di lavoro e magari non d legno ti avrebbero agevolata, ma lo dici tu stessa che la Brisée l'hai stesa una meraviglia...c'è un detto che in cucina io faccio mio da sempre: sbagliando s'impara"..e vedraic he a questa quiche al gusto ti ha soddisfatta tanto...alla prossima non avrai più segreti! Sono contenta che sia tornata a sfidare te stessa... forza ragazza...su... che ormai ti sei rimessa in gioco.... e ne sono contenta..bacioni Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sicuramente la riproverò su un asse degno di questo nome ;) promesso!

      Elimina
  3. valentina devi essere fiera di te stessa credimi
    l'mtc è fatto di tutto questo ,di tutte noi , donne reali senza troppi sfarzi o troppe pose
    percio' io vedo una meraviglia di quiche ....
    bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie delle bellissime parole, Veronica :)

      Elimina